Quasi 24 ore dopo il “fattaccio” sono arrivate le scuse di Gian Piero Gasperini: il tecnico dell’Atalanta, mentre si dirigeva verso gli spogliatoi dopo l’espulsione rimediata durante la partita (poi vinta) contro la Sampdoria a Genova, aveva spintonato in malo modo Massimo Ienca. Il segretario generale della Samp, nel tunnel, ha perso l’equilibrio finendo per cadere rovinosamente a terra.

Gasperini, a dirla tutta, non aveva brillato per buon senso nell’immediato post-gara, parlando chiaramente di “sceneggiata” da parte di Ienca. Nel primo pomeriggio sono arrivate anche le critiche di Ferrero, presidente della Sampdoria, prima del messaggio del tecnico rilasciato tramite il sito ufficiale dell’Atalanta: “Mi spiace, è stato un brutto gesto e non sono orgoglioso dell’esempio che ho dato a calciatori, società e tifosi. Mi dispiace anche perché l’episodio ha fatto passare in secondo piano una partita bella e intensa giocata ad alti livelli da entrambe le squadre e chiusa da un importante risultato sportivo per noi”.