Achille Lauro a Sanremo 2020 con un brano rock con influenze di elettrodance

Sciarpa a fiori su un total look nero. Scortato da una nuvola di collaboratori e a passo svelto per non essere travolto dai fan, Achille Lauro si è presentato così al festival che lo vede protagonista della gara per il secondo anno consecutivo. Canta un brano rock con influenze di elettrodance: Me ne frego. S

ale sul palco, le sue mani gesticolano a ritmo di musica. Le stesse mani, pochi giorni fa, hanno dipinto alcune tele in piazza Duomo a Milano, raffigurando un lupo, un fulmine, una corona e una maschera: per un giorno, il cantante è diventato un artista di strada. La sua partecipazione è una delle più attese: non solo i suoi dischi scalano le classifiche su qualsiasi piattaforma, il fatto è che l’ex trapper è come una diva e tutti si chiedono come vestirà. «Quest’anno abbiamo fatto un lavoro molto interessante», dice a Gente Nicolò Cerioni, il suo stylist personale. «Sul palco vi stupirà. Sarà assolutamente iconico».

Ossia, graffiante, stupefacente, unico. Avrà un look mai visto finora sul palco più tradizionale d’Italia. D’altra parte Achille Lauro ci ha già abituato a maschere dorate, tacchi alti, ali di un angelo. E ha sdoganato i tatuaggi su tutto il corpo, persino in faccia. Forse non tutti lo sanno ma Lauro De Marinis (è il suo vero nome) prima di diventare la star di oggi ha tentato la carriera di tatuatore. Un tattoo sul suo viso recita “Pour l’amour”, per l’amore, un altro “Scusa”.

Legato a queste scritte c’è un aneddoto divertente: nel 2018 il cantante stava girando il video del singolo Mamacita accanto a Cecilia Rodriguez. «Appena ho visto Lauro da lontano mi sono accorta di qualcosa di strano sul suo volto. Gli ho fatto segno di pulirsi, dicendogli: “Ehi, ti sei sporcato”. Lui, ridendo, mi ha risposto: “Guarda che è un tatuaggio”. Pensavo di essere simpatica e invece ho fatto una figuraccia », racconta la showgirl.

E ricorda alcuni momenti legati a quel video girato in Puglia. «Achille è di una simpatia rara ed è un gentiluomo. In più è uno stakanovista. La sera io me ne andavo a dormire, mentre lui e il suo gruppo continuavano a pensare alle riprese del giorno dopo. Adoro la sua musica e anche quest’anno tiferò per lui». Riservatissimo sulla sua vita privata, malgrado la sovraesposizione mediatica, Achille Lauro finora è riuscito a mantenere riserbo totale sulla sfera sentimentale. Poco tempo fa, però, in un’intervista in Tv ha dichiarato di essere fidanzato da tempo, lasciando il mistero sull’identità della ragazza. Il suo nome dovrebbe essere Francesca, mora e ovviamente tatuata.

È indubbio il fascino che lui esercita sulle donne. «Uso i tacchi a spillo», ha detto, «ma le tipe mi cadono ai piedi. La stupida epoca in cui bisognava ostentare a tutti i costi di essere un uomo per fortuna è finita». Per provocazione, ha anche postato una foto in cui bacia sulla bocca il suo chitarrista, Boss Droms. Nella serata dei duetti, giovedì 6 febbraio, canterà Gli uomini non cambiano di Mia Martini insieme con Annalisa: una coppia che incuriosisce.