Regina Elisabetta il dramma, pure i giornali britannici più conservatori parlano di fine del regno

Troppo peso sulle spalle di sua maestà. Elisabetta II, a 93 anni, deve ancora far fronte agli scandali in famiglia e alle turbolenze politiche. È stanca, la regina d’Inghilterra, ma anche preoccupata e arrabbiata: il figlio Andrea tirato in ballo nello scandalo del finanziere pedofilo Epstein, morto suicida in carcere; i contrasti tra le nipoti acquisite Kate e Meghan; il tema spinoso della Brexit, l’uscita dall’Unione Europea, che rischia di scatenare una crisi economica nel Paese.

Raggiunto il limite della sopportazione

Cominciamo da Andrea, da sempre considerato il cocco della regina. Gli inglesi l’hanno soprannominato “Randy

Andy”, cioè Andy il lascivo, il libidinoso. E lo scandalo che lo lega a Jeffrey Epstein riporta a galla proprio questo suo lato “oscuro”: davvero Andrea ha avuto rapporti con alcune delle minorenni che hanno accusato Epstein di molestie? Foto e video del duca di York in compagnia di una di loro girano da giorni e lo stanno mettendo con le spalle al muro. Per la regina il limite di sopportazione è raggiunto, ma soprattutto lo è per gli inglesi: perfino il Daily Mail, testata britannica che da sempre sostiene la famiglia reale, punta il dito contro Andrea, chiedendo sincerità a lui e ai portavoce della casa reale.

Mai, prima d’ora, la stampa popolare aveva messo in dubbio la sopravvivenza della monarchia. Un tabù che è stato infranto e che rilancia i dubbi sulla credibilità della corona. Insomma, per sua maestà sono giorni grigi. «Lo scandalo danneggia l’immagine della monarchia, ma finché Elisa- betta rimane al suo posto la corona resisterà», sostiene Antonio Caprarica, giornalista esperto di vicende reali. «Il principe Andrea, invece, è finito, ma non ha mai goduto di grande popolarità». Che il duca di York non sia tra i reali più amati lo conferma anche il sondaggio sul gradimento: Andrea è solo al quindicesimo posto; sul podio Elisabetta, poi i nipoti Harry e William.

«Harry e Meghan, due mine vaganti»

Sebbene sìa ancora al secondo posto, Harry ha fatto parecchi passi falsi. L’ultimo? Il volo privato per le vacanze a Nizza. E pensare che proprio lui, con la moglie Meghan, dà battaglia sui temi dell’ambientalismo. «Harry e Meghan sono visti come mine vaganti», sostiene Caprarica, «e non sono un punto fermo come i duchi di Cambridge». Lo sa bene la regina, che vede in William e Kate l’ultima speranza per risollevare le sorti della monarchia. Ma, prima dei duchi di Cambridge, il testimone deve passare da Carlo e Camilla, che però appaiono inadeguati: sono il simbolo della decadenza della stirpe dei Windsor.

Il principe Carlo dovrebbe abdicare

«Non escludo che- Carlo possa abdicare per lasciare il posto al figlio William», spiega Caprarica. Dall’era di Lady D, con cui aveva un rapporto difficile, ai tempi duri con il primo ministro di ferro Margaret Thatcher, Elisabetta ne ha viste tante. Il prossimo scoglio è la Brexit: «Per la Gran Bretagna si prospettano tempi duri fuori dall’Unione Europea», conclude l’esperto.