Redmi Note 8 Pro e Xiaomi Mi 9 Lite, recensione e caratteristiche tecniche

Xiaomi è sempre più prolifica e nel solo settembre ha presentato due smartphone, uno a brand Redmi, ovvero il Note 8 Pro, e l’altro a brand Xiaomi, il Mi 9 Lite. Dopo aver macinato record su record con Redmi Note 7, il nuovo Note 8 Pro promette novità altrettanto interessanti. Difatti al prezzo decisamente appetibile di circa 299 euro, il nuovo dispositivo proporrà un set di quattro fotocamere, la cui principale dispone di un sensore Samsung da 64 megapixel. Il sensore secondario è da 8 megapixel con lenti grandangolari da 120°; il terzo da 2 megapixel servirà a scattare foto macro, mentre il quarto, sempre da 2 megapixel, sarà utile al rilevamento della profondità di campo. Niente Snapdragon per il processore, al suo posto il MediaTek Helio G90T con LiquidCool Technology.

A supporto 6 GB di Ram, 128 GB di Storage e addirittura 4.500 mAh di batteria. Dal 26 settembre sullo store mi.com è disponibile uno stock limitato di modelli con memoria da 6+64 GB al prezzo di 259 euro. Invece il Mi 9 Lite, che va ad aggiungersi alla già affollata famiglia Mi 9, è pensato per quella nicchia di utenti che Xiaomi definisce “Instagram Generation”. Anche questo dispositivo è stato costruito per eccellere nelle prestazioni della tripla fotocamera, basata su un sensore principale da 48 megapixel, affiancato da un sensore secondario da 8 megapixel grandangolare e da un terzo per la profondità di campo, da 2 megapixel. La fotocamera frontale è da 32 megapixel. Sarà disponibile da ottobre e sarà venduto dai principali operatori.