Ha destato grande scalpore il ritorno di Zinedine Zidane sulla panchina del Real Madrid, nove mesi le dimissioni arrivate dopo la terza Champions League consecutiva vinta col francese alla guida.

Dato per scontato l’esonero di Solari, in molti avevano già pensato al possibile arrivo di Zidane; le voci di un suo iniziale rifiuto hanno però sempre tenuto nell’ombra tale ipotesi. Cos’è cambiato rispetto a nove mesi fa?

Zidane avrà prima di tutto una grande autonomia non solo nelle decisioni tecniche ma anche sul mercato, un privilegio non da poco al Real Madrid: tale libertà gli permetterà di dare il benservito a Bale e Benzema, considerati ora sicuri partenti, e a uno tra Courtois e Keylor Navas: Zidane vuole solo un portiere titolare.

Tra i nuovi arrivi è escluso l’assalto a Neymar: Zizou punta soprattutto due calciatori, secondo lui in grado di dare nuova linfa al Real Madrid. Parliamo di Mbappé e Hazard, ma – nel caso del primo – sarà un’impresa ardua strapparlo al PSG…