La Fifa potrebbe decidere di aumentare il numero delle squadre partecipanti alla fase finale del Mondiale già a partire dall’edizione del 2022, in programma in Qatar, con quattro anni d’anticipo rispetto a quanto inizialmente previsto (Usa-Canada-Messico 2026).

Venerdì se ne discuterà nel Consiglio Fifa in programma a Miami, prima del voto finale che avverrà a giugno. Le difficoltà non sono poche: dalla difficile situazione politica dell’area, agli stadi che per capienza e quantità (ne servirebbero altri due oltre agli otto già previsti) ci sarebbe da fare uno sforzo non indifferente che potrebbe richiedere anche il supporto di paesi limitrofi.

La nuova manifestazione comporterebbe anche un cambio format radicale: 16 gironi da 3 squadre, con le prime due a qualificarsi e poi subito eliminazione diretta per un totale di 80 partite. L’Europa porterebbe 16 squadre (3 in più), l’Africa 9 (ora sono 5), l’Asia arriverebbe a 8,5 (da 4,5), il Sudamerica passerebbe da 4,5 a 5, la Concacaf da 3,5 a 6,5 e l’Oceania da 0,5 a 1.