Massimo Giletti seguirà da vicino l’inchiesta su Bibbiano

Sarà uno dei temi più seguiti da Non è l’arena, Bibbiano. Il caso è esploso a giugno, quando l’inchiesta “Angeli e demoni” dei carabinieri di Reggio Emilia ha svelato la scioccante vicenda dei bambini che sarebbero stati strappati alle famiglie naturali attraverso illeciti messi in atto da alcuni operatori dei servizi sociali di Bibbiano. I piccoli, pare, venivano sottoposti a sedute di psicoterapia praticate da operatori del centro privato torinese Hansel e Gretel, che avrebbero convinto i minori a mentire sui legami coi loro parenti e poi falsificato le documentazioni, inventando abusi familiari mai esistiti. Sono 29 le persone iscritte nel registro degli indagati. Tra loro il sindaco di Bibbiano, Andrea Cadetti, che ha l’obbligo di dimora. Sono agli arrèsti domiciliari Federica Anghinolfi, responsabile dei servizi sociali della Val d’Enza, e Nadia Bolognini, psicoterapeuta e moglie di Claudio Foti (che ha l’obbligo di dimora), l’uomo alla guida del centro Hansel e Gretel. «La vicenda ricorda quella dei “diavoli della Bassa modenese” degli anni Novanta», dice Giletti. «Voglio fare chiarezza su ciò che è successo».