Lecce – Napoli Streaming Gratis Diretta Live TV No Rojadirecta

L’ onda lunga dell’euforia Reds non dovrà infrangersi sullo scoglio Lecce al Via del Mare. «Spero che non si adagino sul successo ottenuto contro il Liverpool. Non bisogna sentirsi sazi. Per vincere contro il Lecce bisognerà restare concentratissimi e pieni di rabbia agonistica», era successo di rado che De Laurentiis si preoccupasse di caricare la squadra in procinto di affrontare una trasferta e se ieri ha deciso di usare il suo profilo Twitter, lo ha fatto perché memore di un certo passato e coscio che questa sia diventata la gara più delicata di questo scorcio di stagione. «Non bisogna sentirsi sazi» è la regola primaria per chi vuole arrivare primo in fondo ad un campionato lungo e competitivo, come quello di quest’anno.

E la scossa del presidente arriverà dritta alla squadra che oggi (ore 15) affronterà il Lecce, con ben 7 volti nuovi rispetto al clamoroso successo di martedì sui campioni d’Europa. Magari è proprio questa la chiave per tenere sollecitato l’intero organico, smantellare la squadra che ha fatto un’impresa e concedere la chance agli altri che, loro sì affamati, daranno l’anima per vincere la gara e convincere il coach a dargli ancora più spazio. Messaggio indirizzato a Ospina, Malcuit, Maksimovic, Ghoulam, Elmas, Zielinski e Milik, i 7 volti nuovi che dovranno conquistare i 3 punti e tenere il Napoli agganciato alla vetta. Fari puntati soprattutto su Milik, che non gioca una gara di campionato dallo scorso 25 maggio (sconfitta 3-2 a Bologna) ed è reduce da un problema muscolare al retto addominale. Chi ci sarà al suo fianco in attacco? Ancelotti lo ha provato negli ultimi due giorni con Llorente, ma sembrerebbe un azzardo schierare da subito due calciatori che non hanno nelle gambe i 90 minuti. Sembrerebbe più idoneo se ad accompagnarlo ci sia Lozano, anche se non ha brillato con il Liverpool in quella posizione, oppure Mertens che resta il più in forma, anche se martedì è uscito stanco dal campo. Non si stanca mai, invece, Callejon che dovrebbe essere regolarmente sulla destra del centrocampo a 4 e Insigne sulla sinistra, anche se sul lato mancino avrebbe dovuto esserci Younes. Invece un improvviso «affaticamento muscolare» ha impedito di partecipare alla trasferta di Lecce al tedesco che raccontano essersi molto amareggiato per la tribuna in Champions.

Quella del “Via Del Mare” si prospetta una sfida veramente appassionante, con due squadre caricate dalle precedenti sfide di campionato. Il Napoli di Carlo Ancelotti proviene da due efficaci performance, mentre il neopromosso Lecce è reduce da una grande impresa che ha privato al Torino il lusso di essere primo in classifica insieme all’Inter. In questo “Derby del Sud”, Fabio Liverani presumibilmente schiererà gli stessi undici della sfida di Torino, con un unico cambio, ossia Babacar al posto di Lapadula, a completare i tre nomi offensivi Falco e Farias: «Babacar può partire titolare, è un giocatore che sta crescendo. Deve giocare al 100% e non al 50%. Per El Khouma è la stagione del grande riscatto, lavora con grande entusiasmo, lo stiamo aspettando e lui come gli altri avrà spazio in queste partite. Shakhov trequartista è un’idea, è un giocatore intelligente e sta crescendo. In questa squadra tutti possono essere titolari. Farò delle scelte partita per partita. Anche Imbula è in forte crescita. Abbiamo tre partite in sette giorni, dovrò tirare fuori il massimo da tutti. Il Napoli? È una squadra che conosciamo, ha battuto i campioni d’Europa. Ci saranno momenti in cui soffriremo tanto e dovremo saper difendere bene, ma quando avremo il pallone proveremo a sfruttare le nostre occasioni».