Una settimana di stipendio come multa più le scuse pubbliche ad allenatore, club e giocatori. Ai quali si aggiungeranno anche i tifosi come sottolinea lo stesso giocatore in un suo intervento sui social network: si chiude così il caso che ha scosso l’ambiente Chelsea negli ultimi due giorni e che ha visto come protagonisti Kepa Arrizabalaga e Maurizio Sarri.

Il giovane portiere basco aveva rifiutato il cambio ordinato dal suo tecnico negli ultimi istanti della finale di Coppa di Lega che i “blues” avrebbero poi perso col Manchester City ai rigori. Un’insubordinazione in piena regola che ha poi scatenato anche le ire del tecnico ex Napoli, furibondo a bordo campo.

Sarri ha subito smorzato le polemiche e oggi sono arrivate le scuse pubbliche di Kepa: “Ho parlato col tecnico e mi sono scusato, lo stesso faccio con Willy (Caballero, il portiere pronto a subentrare, ndr), gli altri compagni di squadra, il club e i tifosi. Questa vicenda mi aiuterà a crescere e accetterò qualsiasi sanzione del club”.