Albano e Romina, insieme per Sanremo e divisi su Ylenia

Potrebbero essere loro la sorpresa del prossimo Festival di Sanremo targato Amadeus. Ma proprio mentre fervono le trattative per riportare la coppia all’Ariston, la Power lancia un appello per la figlia Ylenia, scomparsa ormai da 25 anni, di cui – su istanza del padre – è stata dichiarata la morte presunta: «lo non ho mai perso la speranza di abbracciarla di nuovo. Se qualcuno riconosce una donna che le assomiglia mi contatti».

Fervono i preparativi per il prossimo Festival di Sanremo, targato Amadeus e l’attesa è tutta per Al Bano & Romina, di nuovo insieme, sul palco dell’Ariston. Lo ha rivelato lo stesso cantante di Cellino San Marco: «Mi hanno chiamato, e mi fa molto piacere che lo abbiano fatto. Onestamente hanno chiamato Al Bano e Romina…

Io avevo proposto Al Bano, con Romina Power e Loredana Lecciso. Ma la “three voices” (ndr: tre voci) non è contemplata», ha scherzato in radio dicendo di non avere ancora preso una decisione definitiva sulla partecipazione al Festival: «Ho un appuntamento con Amadeus per vedere di che si tratta, io non vorrei più andare in gara, mi piacerebbe fare l’ospite d’onore, o da solo o con Romina».

La coppia nel 1982 esplose al Festival con Felicità e nel 1984 lo vinse con la canzone Ci sarà. Ma proprio ora che nell’aria c’è l’ennesima reunion che fa sognare i fan, i due cantanti tornano a dividersi sul grande dolore della loro vita: la figlia Ylenia. Romina ha lanciato un appello su Instagram pubblicando una vecchia foto della ragazza: «Novembre è il mese in cui Ylenia è nata. È scomparsa negli Stati Uniti nel gennaio 1994. Aveva 23 anni. Non ho mai perso la speranza di abbracciarla di nuovo.

So che da allora deve essere cambiata ma se qualcuno riconosce una donna che assomiglia a questa ragazza per favore mi contatti». La Power continua la sua “battaglia” personale, mentre Al Bano sei anni fa ha presentato al tribunale di Brindisi una istanza di dichiarazione di morte presunta della figlia che poi è stata accolta. Il cantante in più occasioni ha detto di non voler alimentare le speculazioni e di recente ha parlato dei suoi giorni bui, dopo la scomparsa di Ylenia: «Quando perdi una figlia in quella maniera, anzi in qualunque altra maniera succeda, ti chiedi “perché proprio a me che sono un credente, che sono un cristiano?”. In quei momenti di pazzia mentale non puoi evitare quei pensieri, perché sono loro che ti aggrediscono». «Improvvisamente, mi sono reso conto che stavo male due volte: la prima perché mi sentivo contro Dio, l’altra perché avevo perso mia figlia. Ancora quando ne parlo c’è qualcosa dentro di me che va in subbuglio.

La cosa bella è quando ho chiesto scusa al Signore, quando ho chiesto scusa a Dio per questa mia reazione. Ho passato veramente un periodo nero. Poi proprio la fede, insieme alla musica, mi ha salvato da questo buio profondo». Ora proprio la musica – nel “tempio” della canzone italiana, il teatro Ariston – potrebbe riunire ancora una volta Al Bano e Romina, genitori divisi dal dolore più grande.