Al Bano, mamma Jolanda sotto shock: la denuncia del figlio Yari sui social

In queste ultime ore, il figlio di Albano e Romina, Yari Carrisi ha deciso di raccontare sui social gli abusi che la sua famiglia a Cellino San Marco ha dovuto subire.  Ma che cosa è accaduto?  Stando a quanto riferito proprio dal figlio di Albano e Romina, il padre attualmente non sta vivendo un momento idilliaco a Cellino, per via di alcuni rapporti tutto si turbolenti con il vicinato.  Questo è quanto raccontato dal figlio Yari, che ha condiviso sui social uno sfogo piuttosto duro, contro coloro che usurpano il suo nome e minacciano la sicurezza della sua famiglia.  Yari sicuramente ha ereditato dal padre il carattere particolarmente deciso e anche l’amore per la famiglia ed è questo che lo ha spinto a denunciare pubblicamente che cosa accaduto alla sua famiglia e nello specifico alla nonna.

Per questo, ha pubblicato su Instagram alcune Stories dove racconta episodi molto gravi accaduti a Cellino San Marco che lasciano intendere dei veri e propri reati verso di lui , ma soprattutto verso tutta la sua famiglia. “DA ANNI ORMAI CHE CELLINO È UN INCUBO. ERA UN PARADISO ORA È UN INFERNO.NON TENGO PIÙ NIENTE DENTRO. NON VOGLIO PIÙ IL TUO MALE”, ha dichiarato Yari.  Nel raccontare tutto ciò, Yari ha deciso di utilizzare un linguaggio comprensibile per coloro che stanno vivendo lo stesso dolore in questo momento.  La sua famiglia purtroppo sembra stia subendo delle minacce molto serie in questo ultimo periodo.

Yari Carrisi denuncia aggressione verso la famiglia

Dalle parole di Jari, si deduce che nel paese dove vive la sua famiglia, ovvero Cellino San Marco sia presente un locale proprio nei pressi della Tenuta Carrisi, che passerebbe musica da discoteca costantemente ad alto volume e questo per Yari è diventato davvero intollerabile. “Regnava la pace ed il silenzio…da anni mi tocca subire l’inferno acustico“, dice Yari piuttosto adirato. Inoltre, sembrerebbe che il padrone del locale non sia intenzionato a raggiungere alcun tipo di accordo con i Carrisi. “QUANDO ANNI FA CHIESI DI ABBASSARE LA LORO RISPOSTA FU ‘VATTENE IN INDIA FINCHÉ CHIUDO A SETTEMBRE’”.  Questo però non è tutto, visto che secondo quanto riferito ancora dal figlio di Albano, Il locale in questione pare utilizzi di cognome dei Carrisi.

IL POSTO È NATO GRAZIE ALLA MUSICA…UN POSTO CHE SI È FOTT**O IL MIO COGNOME CHE SIA IO CHE MIO PADRE ABBIAMO SMESSO DI UTILIZZARE”, ha aggiunto Yari.  Anche la nonna sarebbe piuttosto infastidita e addolorata per il fatto che il proprietario del locale utilizzi il cognome della sua famiglia ovviamente in modo non autorizzato.“COSA CHE FECE CON ME DUE GIORNI FA, DAVANTI A MIA NONNA CHE È ANCORA SCIOCCATA. COME LO SONO IO OVVIAMENTE”, ha concluso Yari. Dopo la denuncia pubblica, cambierà qualcosa?

Al Bano, mamma Jolanda sotto shock: la denuncia del figlio Yari sui social