L’ossessione giallorossa di Roberto Donadoni

0

Il Corriere dello Sport con Fogacci analizza statisticamente i precedenti tra Donadoni e la Roma, un percorso che genera una vera e propria ossessione nella testa del mister felsineo.

Ciò in cui spera Roberto Donadoni è la legge dei grandi numeri. Ci sono squadre che nella carriera di un allenatore sono più insidiose di altre. La Roma per il tecnico dei rossoblù lo è sopra ogni altra. Nei 17 precedenti è riuscito a uscire vittorioso soltanto una volta. Era il 31 ottobre 2012 e sedeva sulla panchina del Parma. Tra i pali Antonio Mirante, con in difesa l’ex rossoblù Zaccardo e quel Paletta affiancato ai rossoblù negli ultimi mercati. A centrocampo l’ora laziale Parolo, mentre in avanti la coppia Amauri e Biabiany. Dall’altra parte la squadra giallorossa era allenata da Zeman, con un centrocampo tosto come quello formato da De Rossi, Florenzi e Bradley, in avanti TottiOsvaldo e Lamela: 3-2 il finale, con a segno Belfodil, Parolo e Zaccardo. Non è che le percentuali, da quando il tecnico siede sulla panchina rossoblù, siano cresciute molto, anche se nel primo anno non si sono registrate sconfitte. Infatti il 21 novembre 2015 al Dall’Ara, sotto un’acqua torrenziale, finì 2-2 con il gol di Masina ad aprire le danze e, dopo due rigori giallorossi, all’87’ ci fu quello di Mattia Destro per fallo su Giaccherini che fece esplodere lo stadio. In quell’occasione Donadoni utilizzò un 4-1-4- 1 con Diawaradavanti alla difesa, Donsah e Brighi più alti e Giaccherini e Mounier sulle fasce. Al ritorno il tecnico costruì un fortino davvero solido, con un 4-5-1 che difese fino all’ultimo il colpo di testa di Rossettini al 25’ su punizione di Zuniga. La Roma riuscì a pareggiare con El Shaarawy. Da allora solo dolori, con un doppio 3-0 subito lo scorso anno, prima all’Olimpico, quindi il 9 aprile al Dall’Ara.

QUOTE – Dopo la sconfitta per 1-0 dell’andata Bologna rivede i giallorossi, che dopo quattro giorni avranno l’andata con il Barcellona in Champions. Conoscendo la meticolosità di Di Francescodifficile che possa già avere la testa a quell’impegno. Ma un leggero turnover dovrebbe essere normale, considerato che comunque la rosa della Roma offre soluzioni di grande qualitàDonadoni, alla sua panchina numero 100 in rossoblù, gioca soprattutto per l’onore. La vittoria contro una big del campionato manca ormai dal 6 gennaio 2016, a San Siro contro il Milan con gol di Giaccherini a otto minuti dalla fine. Le quote degli scommettitori vedono la vittoria del Bologna a 5 e intorno a 1,70 quella dei giallorossi con il pareggio a 3,80. Neppure male se si tiene conto che la Roma ha il 3º attacco e la 4ª difesa del campionato, mentre il Bologna ha il 12º attacco e l’11ª difesa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here