Monchi, nome a sorpresa per sostituire Bruno Peres (video)

0

Monchi ha stupito molte volte in carriera puntando su giovani che sono poi diventati top player: il ds spagnolo vuole riprovarci a Roma

Monchi su Cristian Marian Manea. Questo il profilo seguito dai giallorossi in caso di partenza di Bruno Peres direzione Benfica. Il terzino destro del Cluj potrebbe essere un’alternativa per la fascia vista l’assenza di Karsdorp. Ma chi è?

Il calcio romeno negli ultimi anni è tornato a produrre giocatori di grande talento ed uno di questi è certamente Cristian Manea, già obiettivo di mercato di Inter, Schalke 04, Chelsea, e ora anche della Roma.  Nato ad Agigea un paese molto vicino a Costanza, Manea cresce calcisticamente nella prestigiosa Accademia Gheorghe Hagi, che ha già “lanciato” nel professionismo numerosi talenti romeni. Nell’accademia dell’ex fantasista di Barcellona e Brescia resta fino al 2010, quando poi entra a far parte del settore giovanile del Viitorul Constanta, suo attuale club di appartenenza. I numeri e le qualità di Cristian sono talmente superiori ai suoi compagni, che solo dopo 3 stagioni, a 16 anni e 8 mesi, debutta nella Liga romena 2013-14, contro lo Steaua Bucarest, giocando gli ultimi 23 minuti del match. Nella stagione attuale Manea è diventato un titolare inamovibile della squadra, finora ha saltato solo due partite, niente male per un ragazzo del 1997.

Record in Nazionale

Ma sicuramente il record di cui Cristian Manea va più fiero, è quello di essere stato il più giovane debuttante con la casacca della nazionale maggiore romena, infatti, il 24 maggio 2014, il ct Victor Piturca lo convoca in prima squadra, dopo solo cinque partite a livello di club. Così Manea esordisce con la nazionale tricolore, il 31 maggio 2014, giocando l’intera partita contro l’Albania, abbattendo il record precedente di Gratian Sepi, che risaliva al lontano 1928.

Caratteristiche tecniche

Cristian Manea è un giocatore che colpisce subito per eleganza nelle movenze, per forza fisica e per la grande qualità tecnica; il suo controllo di palla è degno di un trequartista, la sfera non si allontana mai troppo dai suoi piedi, anche quando è in piena corsa e punta la metà campo avversaria. Alterna con sagacia tattica le due fasi: in difesa è sempre puntuale nelle chiusure, con i suoi poderosi tackle, mentre in attacco arriva spesso sul fondo del campo, per effettuare dei cross millimetrici per gli attaccanti. Il suo tocco di palla “pulito” gli consente di giostrare la palla con grande tranquillità, anche sotto la pressione dell’avversario. Manea è un giocatore completo, in quanto anche fisicamente è già molto ben strutturato e può comodamente confrontarsi in campionati più impegnativi di quello romeno. La sua prestanza atletica lo avvantaggia notevolmente anche sulle palle alte ed il suo stacco aereo è una garanzia anche nella marcatura dei centravanti più alti.
La sua duttilità tattica gli permette di giocare in diverse posizioni del campo, il suo ruolo è naturalmente quello di esterno basso difensivo, ma può giostrare anche nel mezzo della difesa e in caso di emergenza anche nel ruolo di terzino destro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here